Rendimi la gioia della tua salvezza. TEMPO DI PASQUA 2022

30 Maggio 2022 0 Di Don Savino D'Amelio

I Lettura At.19,1-8
Mentre Apollo era a Corìnto, Paolo, attraversate le regioni dell’altopiano, scese a Èfeso. Qui trovò alcuni discepoli e disse loro: «Avete ricevuto lo Spirito Santo quando siete venuti alla fede?».
Gli risposero: «Non abbiamo nemmeno sentito dire che esista uno Spirito Santo». Ed egli disse: «Quale battesimo avete ricevuto?». «Il battesimo di Giovanni», risposero. Disse allora Paolo: «Giovanni battezzò con un battesimo di conversione, dicendo al popolo di credere in colui che sarebbe venuto dopo di lui, cioè in Gesù».
Udito questo, si fecero battezzare nel nome del Signore Gesù e, non appena Paolo ebbe imposto loro le mani, discese su di loro lo Spirito Santo e si misero a parlare in lingue e a profetare. Erano in tutto circa dodici uomini.

Vangelo Gv. 16,29-33
Dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio».
Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

Quante volte anche noi pensiamo di essere giunti ad un punto di sicurezza nella nostra fede, pensiamo di essere certi, di non dubitare della nostra fede, come i discepoli di Gesù; poi basta che arriva un evento, sia materiale, la morte di una persona cara, una malattia grave…. che spirituale, qualche scandalo, qualche
errore che ci prostra, una persecuzione di qualsiasi genere…qualcosa ci mette alla prova che subito la nostra fede vacilla, cominciamo a duitare della bontà di Dio, della sua presenza…Ma Gesù, nella sua unità con il Padre ci garantisce di esserci vicini, con la sua passione, in cui anche lui si è sentito umanamente abbandonato, “Eloi, Eloi…Padre perché mi hai abbandonato?” ci garantisce il superamento: “ abbiate coraggio: io ho vinto
il mondo!”. La fede ci invita a tenere lo sguardo in alto, al Crocifisso, alle cose del cielo, al Padre, alla Madonna che è modello della vera fede, quanti passaggi bui e dolorosi ha superato nella sua vita, nella sua vocazione di Madre di Gesù?