La tua Parola mi fa vivere. TEMPO per ANNUM

8 Agosto 2022 0 Di Don Savino D'Amelio

I Lettura Ez.1,2-5.24-28
Ci fu un rumore al di sopra del firmamento che era sulle loro teste. Sopra il firmamento che era sulle loro teste apparve qualcosa come una pietra di zaffìro in forma di trono e su questa specie di trono, in alto, una figura dalle sembianze umane. Da ciò che sembravano i suoi fianchi in su, mi apparve splendido come metallo incandescente e, dai suoi fianchi in giù, mi apparve come di fuoco. Era circondato da uno splendore simile a quello dell’arcobaleno fra le nubi in un giorno di pioggia. Così percepii in visione la gloria del Signore. Quando la vidi, caddi con la faccia a terra.

VANGELO Mt.17,22-27
Mentre si trovavano insieme in Galilea, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà». Ed essi furono molto rattristati. Quando furono giunti a Cafàrnao, quelli che riscuotevano la tassa per il tempio si avvicinarono a Pietro e gli dissero: «Il vostro maestro non paga la tassa?». Rispose: «Sì».
Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: «Che cosa ti pare, Simone? I re della terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli estranei?». Rispose: «Dagli estranei».
E Gesù replicò: «Quindi i figli sono liberi. Ma, per evitare di scandalizzarli, va’ al mare, getta l’amo e prendi il primo pesce che viene su, aprigli la bocca e vi troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala loro per me e per te».

Gesù parla sempre più chiaramente ed apertamente della sua vita, della sua missione: “essere consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà”; questa notizia mette tristezza nel gruppo degli apostoli, sia per sé, sia perché non capiscono e non l’accettano. Di fronte a delle realtà che ti chiedono di operare delle scelte responsabili, non sempre si è pronti, determinati e questo genera tristezza, si crede che bisogna compromettersi, ma non si ha la forza (gli apostoli fuggirono davanti alla condanna di Gesù, sotto la croce c’era solo Giovanni…), la forza verrà solo quando giunge lo Spirito Santo con i suoi doni, con la sua forza e la sua luce, che però dobbiamo invocare.