Nella tua volontà è la mia gioia mai dimenticherò la tua parola. TEMPO “Per Annum” (Ordinario)

14 Gennaio 2023 0 Di Don Savino D'Amelio

I Lettura Eb.4,12-16
Fratelli, la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore. Non vi è creatura che possa nascondersi davanti a Dio, ma tutto è nudo e scoperto agli occhi di colui al quale noi dobbiamo rendere conto. Dunque, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, che è passato attraverso i cieli, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della fede. Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato.

Vangelo Mc.2,13-17
Gesù uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: “Seguimi”. Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: “Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?”. Udito questo, Gesù disse loro: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori”.

La prima lettura ci offre una descrizione dell’efficacia della parola di Dio: “è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore”. Penso che tutti abbiamo fatto l’esperienza di ascoltare persone le cui parole ci penetravano e ci obbligavano moralmente, ci mettevano in crisi, ci hanno aiutato a maturare e a vivere (i nostri genitori, qualche docente, qualche scrittore…); la parola di Dio, se ben ascoltata e meditata, va oltre: ci chiede di rendere conto, visto che non possiamo nascondere nulla a Dio che ci conosce profondamente. San Giovanni Paolo II così scriveva: “E’ necessario che l’ascolto della Parola di Dio diventi un incontro vitale, che fa cogliere nel testo biblico la parola viva che interpella, orienta, plasma l’esistenza” (n.39 II° Millennio ineunte).